Consulenza Appalti e Gare Advertising - Promozione Abbonamento Servizio Gare d'Appalto
Chi Siamo Servizi Fonti Categorie  Abbonamenti Demo Servizio Clienti Pubblicità
Mappa del sito | Guida agli appalti | Newsletter | Job | Partnership | Avvisi | Suggerimenti | Informazioni | Assistenza | Statistiche
  Servizio Consulenza Appalti Servizio di Consulenze Appalti e Gare
 Archivio pareri sintetici » Home Consulenza Appalti  
Tardiva stipula contratto e revisione prezzi
Descrizione dei fatti
La società si è aggiudicata una gara d'appalto più di sei mesi fa. Da allora non è stato firmato ancora il contratto. In questo periodo ci sono stati degli aumenti dei prezzi dei vari materiali oggetto dell'appalto.
Quesito
Se l'Ente pubblico non è disposto ad effettuare una revisione dei prezzi è possibile rescindere dal contratto chiedendo il mancato guadagno? A quale legge si può far riferimento?
Parere
Ai sensi dell’art. 109 del D.p.r. 554/1999 ed, attualmente, ai sensi dell’art. 11 del D.lgs. 163/2006, la stipulazione del contratto di appalto deve aver luogo entro 60 gg. dall’aggiudicazione definitiva. Se non viene rispettato tale termine, l’appaltatore ha la facoltà di recedere dal contratto. In quest’ultima ipotesi all’aggiudicatario non spetta alcun indennizzo, tranne il rimborso delle spese contrattuali sostenute, e semprechè siano documentate. Tuttavia, se la consegna dei lavori è avvenuta in via d’urgenza, egli può pretendere anche le spese sostenute per l’esecuzione dei lavori ordinati. Nel suo caso, pertanto, sarà possibile ottenere il rimborso spese o, nell’ipotesi in cui vi sia stata la consegna dei lavori d’urgenza, le spese per l’esecuzione degli stessi.

Sottoponi un quesito

Tutto il materiale in questo sito è © 1998-2018 Studio NET - E' vietata la riproduzione anche parziale